Cerca

Al Vivaldi si è concluso “Nati per la Musica”

Al Vivaldi si è concluso “Nati per la Musica”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bimbi sorridenti, rilassati, che giocano con gli strumentini, bevono dal seno a ritmo di musica. I più grandi canticchiano, mimano le loro mamme. Allegria, relax, il miracolo della musica.

Questo è tutto ciò che si vede e si prova a partecipare al laboratorio ‘Nati per la Musica’ che si svolge da ottobre a maggio all’istituto Musicale ‘Antonio Vivaldi’ di San Benedetto del Tronto, dedicato alle mamme in attesa dal sesto mese fino ai bambini di tre anni.

Tre fasce d’età (mamme in attesa e bambini 0-12 mesi, 12-24 mesi e 24-36 mesi) per 45 posti disponibili, esauriti in un’ora dall’uscita su facebook della locandina con la data degli incontri.

Sabato 13 maggio si è svolta la giornata conclusiva, e per l’occasione i protagonisti hanno fatto il bilancio della stagione insieme ai genitori partecipanti.

La Coordinatrice Didattica dell’Istituto, Daniela Tremaroli, grande violoncellista, è entusiasta: «Siamo stati i primi nelle Marche ad attivare Nati per Musica. Siamo orgogliosi, perché il progetto, iniziato nel 2015, ha riscosso molto successo. Speriamo, con l’appoggio dell’Amministrazione Comunale, che in ottobri riprendano i laboratori. Ci tengo a fare un grandissimo ringraziamento alle docenti di propedeutica Emanuela Marcattili e Mariacristina Vallese, alla pediatra referente di NpM Dssa Aurora Bottiglieri e all’Amministrazione Comunale che ci mostra sempre la loro grande vicinanza, rappresentata per l’occasione dalla Dssa Rita Tancredi, Pedagogista e responsabile dei Nidi Comunali cittadini. Ci tengo a precisare che l’Istituto ‘Vivaldi’ non è una scuola di musica privata, ma è la civica della città, e da Consorzio di Comune e Provincia sta diventando istituzione comunale».

La pediatra Aurora Bottiglieri, dottoressa molto conosciuta e stimata, spiega l’importanza della musica nella pancia e durante l’infanzia: «Sono sempre molto felice quando vengo qui, perché sono momenti unici essere in questa sala con genitori e bambini che si avvicinano alla musica. I pediatri in questa attività centrano perché il benessere del bambino deve essere psico-fisico, non dobbiamo pensare solo alle malattie, ma a tutto quello che concerne la stimolazione cognitiva-affettiva e l’accoglienza dei bambini nella famiglia, per cui i pediatri sono in prima linea. La cosa più importante di questo progetto a mio parere è la condivisione del tempo con il bambino, perché ultimamente si va sempre di fretta e con questi oggetti in mano che sono i cellulari, definito attualmente oggetto autistico. Noi pediatri siamo allarmati, perché vediamo bambini in braccio e il cellulare in mano, il bambino cerca spesso lo sguardo della mamma che è distratta, e di conseguenza si distrae anche il bambino. Il cellulare ci amplia il mondo, ma il mondo reale è diverso. I progetti Nati per la Musica e Nati per Leggere sono un modo per condividere il tempo con il proprio bambino in una maniera unica, con alta qualità, e questi momenti ve li porterete dentro per tutta la vita. Ringrazio il Vivaldi e il Comune, e do l’arrivederci al prossimo anno».

La Dssa Rita Tancredi, Pedagogista e responsabile dei Nidi Comunali cittadini ringrazia i responsabili del progetto: «Grazie alla dottoressa Bottiglieri, alla coordinatrice Tremaroli e alla nostra insegnante Gran Pavese Rossoblù Marcattili che abbiamo tutti nel cuore, perché fa tanto di bene per noi e per i nostri piccoli. Noi siamo qui perché tutti teniamo ai nostri figli, io in prima linea professionalmente, perché seguo gli asili nido comunali. Le diverse energie dei vari servizi comunali insieme concretizzano il proverbio africano che recita ‘Per crescere un bambino c’è l’aiuto di tutto il villaggio’. Noi siamo orgogliosi di questo progetto e delle risposte che ha avuto».

Emanuela Marcattili, un’insegnante unica e speciale, amata da bambini e genitori, ringrazia chi ha reso possibile questi laboratori: «Voglio ringraziare tutte le mamme e i bambini che hanno preso parte a questa esperienza bellissima con me, che mi ha dato molto professionalmente e umanamente. Il progetto vede la partecipazione gratuita di alcune persone che collaborano donando il loro tempo, la loro disponibilità e la loro competenza. Ringrazio l’Amministrazione Comunale che ci ha permesso di realizzare tutto questo, senza di loro il ‘Vivaldi’, in quanto istituzione comunale, non potrebbe sostenere e promuovere questi laboratori. Ringrazio il liquidatore Antonio Rosati, l’ostetrica Marta Rosati che ci ha accompagnato in questi laboratori, Lidia Pignati che segue la nostra pagina facebook, la dssa Bottiglieri e la nostra colonna Daniela Tremaroli».

Quattro maestri dell’istituto al termine dell’incontro hanno eseguito dei brani proposti in questi mesi all’interno dei laboratori. Il momento della musica dal vivo è stato sempre apprezzato da tutti, e i ringraziamenti vanno alla pianista Mariacristina Vallese, al violinista Paolo Incicco e ai flautisti Giampaolo Corradetti e Paolo Puca, i maestri che hanno donato gratuitamente il loro tempo ai piccoli partecipanti e alle loro famiglie.

Nella foto di copertina (da sinistra): Daniela Tremaroli, Giampaolo Corradetti, Mariacristina Vallese, Paolo Puca, Paolo Incicco, Emanuela Marcattili, Aurora Bottiglieri

Commenti