San Benedetto, doni ai bambini di Arquata nella scuola Curzi dal Pd di Pesaro

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Questa mattina a San Benedetto del Tronto sono stati consegnati gli armadietti  ai bambini terremotati di Arquata del Tronto, che frequentano la scuola Curzi di via Ulpiani.

I regali sono stati acquistati grazie al pranzo di beneficenza del Circolo del Pd di Borgo Santa Maria di Pesaro. I democratici si sono recati presso la scuola Curzi insieme al segretario del Pd di San Benedetto, Edward Rino Alfonsi, al consigliere regionale Fabio Urbinati, ai segretari Roberto Giobbi (circolo centro) e Daniela Bigossi (circolo nord).

“Orgoglioso del loro lavoro – ha detto Giovanni Gostoli, segretario del Pd di Pesaro – così pure di quello dei tanti circoli e dei sindaci Pd in provincia di Pesaro e Urbino che si sono impegnati per dare vita a molte iniziative di solidarietà nei confronti della popolazione marchigiana colpita dal terremoto. Per fare grandi cose servono tanti piccoli gesti”.




I regali di Babbo Natale per i piccoli terremotati all’ex scuola Curzi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Babbo Natale all’ex scuola Curzi: selfie, doni e sorrisi per i bimbi colpiti dal terremoto. Il Centro Operativo di Accoglienza della Protezione civile ”invaso” dai piccoli ospiti.

Un pomeriggio dedicato ai bambini colpiti dal terremoto,  presso il Centro Operativo di Accoglienza della Protezione civile nella ex scuola media Curzi in via Golgi.

Tantissimi bambini, con le loro famiglie, si sono dati appuntamento nell’ex plesso scolastico, ora ospitante anche la sede distaccata del Comune di Accumoli. Sono stati accolti dal personale del Gruppo comunale di Protezione civile e del Dipartimento Nazionale di Protezione civile, che da settembre opera in quella sede messa a disposizione dal Comune.

Il pomeriggio si è aperto con l’arrivo di Babbo Natale su un risciò illuminato e scortato da una pattuglia della Polizia locale. Con grande disponibilità e pazienza, aiutato dallo staff della Protezione Civile, ha consegnato doni e concesso foto e selfie ai tanti bimbi presenti.

Un nuovo, piccolo, ma significativo momento di spensieratezza in questo finale di 2016, un anno purtroppo difficile per le popolazioni del nostro Appennino Centrale.

Tra gli altri: la consigliera Mariadele Girolami, il sindaco Pasqualino Piunti, Babbo Natale, Vinicio Cipolloni della Protezione civile, la consigliera Brunilde Crescenzi




Zamberletti incontra Piunti e visita i terremotati all’ex Curzi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ tornato alle origini, ai centri periferici della Protezione civile, Giuseppe Zamberletti. Il ‘padre’ fondatore della moderna Protezione civile, nella mattinata odierna (domenica 11 dicembre) è approdato nella città delle palme, dove ha fatto visita al plesso dell’ex scuola Curzi di via Golgi, diventato il centro di accoglienza dei terremotati (Coi). Ad attendere il decano, il sindaco Pasqualino Piunti e la delegazione della Protezione civile di San Benedetto del Tronto.

Zamberletti ha trovato alla Curzi anche i rappresentanti dell’Inter Club di Monopoli, giunti in città con pacchi dono per i bambini terremotati che sono ospitati negli alberghi (foto Cicchini)

“Mi complimento con l’amministrazione comunale e la Protezione civile, per come state gestendo l’accoglienza alle comunità colpite dal sisma”, ha detto Zamberletti rivolgendosi al sindaco Pasqualino Piunti.


Piunti si copre gli occhi con la mano per non guardare lo stendardo dell’Inter Club. Il sindaco è milanista doc, ma ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco, per dovere di ospitalità. Di fronte all’obiettivo del nostro Cicchini non è riuscito a contenere l'”ostilità” verso i “cugini” Nerazzurri. Il sorriso che nasconde a malapena, sta ad indicare, in fondo,  il sentimento di amicizia di Piunti nei confronti del prossimo, al di là dei campanilismi

Ieri (sabato 10 dicembre) a Macerata si è svolta la Giornata delle Marche. Al Teatro Lauro Rossi il ‘padre’ fondatore della Protezione
civile nazionale  ha ricevuto il Premio Picchio d’oro dal presidente della giunta regionale Luca Ceriscioli, affiancato dal presidente del Consiglio Antonio Mastrovincenzo e dal vice Renato Claudio Minardi.


Nella foto, la Protezione civile di San Benedetto del Tronto e l’Inter Club di Monopoli con i pacchi dono. L’Inter Club si è poi recata all’hotel Relax,  per consegnare i regali ai piccoli terremotati (foto Cicchini)

Ieri (sabato 10 dicembre ) Zamberletti ha fatto visita alle zone colpite dal sisma. “A fronte del grande dolore e delle gravi perdite che si sono avute, qui nasce la speranza per il futuro”. E’ stato questo il primo commento del ‘padre’ della moderna protezione civile, al termine di un sopralluogo in zona rossa, lungo Corso Umberto I, ad Amatrice. Accompagnato dal capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, dai rappresentanti del Comune, dai vigili del fuoco e deale forze armate, Zamberletti ha visitato anche l’area dove sono in avanzata fase di allestimento le prime soluzioni abitative in emergenza.


Zamberletti con Gianna Pulsone della Protezione civile di San Benedetto del Tronto (foto Cicchini)

Zamberletti fu commissario straordinario del governo nei terremoti del Friuli, nel 1976, e dell’Irpinia, nel 1980.  “E’ la fase più delicata. La protezione civile, i sindaci, gli amministratori – ha detto ancora ad Amatrice – hanno sulle spalle il compito più difficile: il reinsediamento delle popolazioni che deve avvenire perché accompagnino il lungo percorso della ricostruzione. Questi tempi devono essere sostenuti dalla presenza della popolazione che riprende la propria vita economica e sociale, la vita della comunitaà. Questo dà un senso, una forza per la ricostruzione dei paesi”.


Zamberletti con la Protezione civile di San Benedetto

 

 

 




Un museo storico nel “Mandracchio”. Gli allievi della Curzi propongono al sindaco

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Questa mattina, 11 novembre, il sindaco Pasqualino Piunti ha ricevuto, nella sala giunta del Comune, gli alunni della classe 2a B Scuola secondaria di 1° grado “Mario Curzi”, accompagnati dal prof. Riccardo Massacci e dalla dirigente dell’Isc Laura D’Ignazi.

I ragazzi avevano chiesto l’incontro al sindaco per consegnarli una lettera e mostrargli il video “Il cuore del Mandracchio” con cui hanno partecipato al concorso  “Articolo 9 della Costituzione”. Il progetto, promosso dal Miure dal Mibact, ha lo scopo di ripartire dalla scuola e dai giovani per difendere e valorizzare ciò che l’Italia possiede di più importante: le sue ricchezze storiche, artistiche e culturali. 

Il progetto prevede il coinvolgimento delle istituzioni locali. Così gli alunni hanno pensato di rivolgersi al sindaco per suggerirgli, con la lettera, l’idea – non del tutto espressa nel video con il quale si sono iscritti al concorso – di realizzare nella storica via Laberinto, in una delle zone con le case basse ancora rimaste, un piccolo sito museale, per offrire a cittadini e turisti, nel suo originario contesto urbano, “il cuore della nostra civiltà marinara”.

Sono rimasto molto colpito dal lavoro svolto dai ragazzi – ha detto il sindaco Piunti – che dimostra quanta passione, quanta attenzione alla nostra terra ci sia in questi giovanissimi che troppo spesso dipingiamo come senza ideali e senza idee. Appena congedati gli allievi  – ha aggiunto – ho contattato i referenti dell’associazione “Amici di via Laberinto” per valutare la fattibilità dell’idea. In attesa di poter trovare una soluzione stabile proprio all’interno di una di quelle case basse, un obiettivo che evidentemente non può essere realizzato subito, sta maturando la proposta di realizzare una esposizione di oggetti di vita marinara sotto un gazebo da allestire durante le giornate festive”.

Il video realizzato dai ragazzi della “Curzi” è visibile al link https://youtu.be/aFK8Yb3G70g oppure semplicemente scrivendo sulla home di YouTube “Il cuore del Mandracchio”.