Cerca

A San Benedetto arrivano “I tesori di papà pescatore”

A San Benedetto arrivano “I tesori di papà pescatore”
image_pdfimage_print

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le tradizioni della marineria picena, la vita a bordo di un peschereccio e i prodotti del mare Adriatico saranno protagonisti a San Benedetto del Tronto da venerdì 17 a domenica 19 marzo con “I tesori di papà pescatore”, una tre giorni che proporrà incontri, degustazioni e attività per adulti e bambini.

L’evento, organizzato dalla neonata associazione di promozione culturale Foodway per far riscoprire a cittadini e turisti la ricchezza ambientale, culturale ed enogastronomica del mare Adriatico nel tratto della costa picena, si aprirà venerdì 17 marzo, alle ore 17, nella sede dell’Associazione pescatori sambenedettesi (di fronte alla Capitaneria di Porto) con gli interventi del Prof.

Mauro Mario Mariani, dottore “mangiologo” che ne illustrerà le caratteristiche nutrizionali del nostro pescato e di Giuseppe Merlini, storico sambenedettese.

Il ruolo storico e sociale dell’Adriatico per la popolazione locale, l’importante valenza ambientale, le potenzialità turistiche e il grande patrimonio professionale ed economico che ruota attorno al mare saranno alcuni dei temi al centro di un dibattito aperto per riflettere insieme su potenzialità e percorsi di valorizzazione futuri.

Sabato 18 marzo, grazie alla collaborazione con le scuole del territorio, alle ore 17 si terrà una grande caccia al tesoro in cui i bambini scopriranno segreti e curiosità del mare e della vita a bordo di un peschereccio, dove potranno salire di persona il giorno successivo, alle ore 11, per una visita guidata insieme ai genitori.

Sia nelle serate di venerdì e sabato gli stand gastronomici saranno aperti dalle ore 18.00, mentre nella giornata di domenica, con inizio alle ore 11 e chiusura alle ore 23, la Casa del Pescatore di San Benedetto sarà aperta al pubblico, mentre lo chef Daniele Citeroni dell’Osteria Ophis di Offida, in collaborazione con lo Chef Alessandro D’Addazio, proporranno piatti gourmet interpretando in chiave classica e contemporanea le specialità ittiche locali. Dalla zuppa di legumi e totano al filetto di sgombro con cipolla caramellata, dalla parmigiana di alici alla frittura mista fino al goloso “Trapescino” con pesce spada, si potranno gustare i tesori dell’Adriatico imparando a conoscerne i sapori autentici e le diverse stagionalità e abbinandoli ai vini autoctoni del Piceno.

Per i bambini è previsto un menù dedicato, che comprende: burger di pesce, carotine Vichy, patatine fritte e bevanda.

Commenti