Schiuma alla foce dei torrenti, che cos’è?

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alla foce dei torrenti che sfociano nel mare di San Benedetto si sono formati addensamenti di schiuma. Un effetto poco piacevole all’occhio. In seguito alla segnalazione di alcuni lettori del nostro quotidiano online ci siamo recati sulla spiaggia.

Come si può notare nella foto, la foce si presenta cosparsa di schiuma. La schiuma è pressoché simile al torrente della Fornaci e al torrente Acquachiara, mentre è meno evidente al Ragnola.

Osservando più da vicino la superficie dell’acqua ci è sembrato un fenomeno naturale, che non desta preoccupazione, ma non siamo  chimici: è un’impressione empirica. Gli uffici preposti del Comune ne sapranno sicuramente  di più di noi.




Francesco Maroni nuovo segretario provinciale Psi

GROTTAMMARE – Francesco Maroni è il nuovo segretario della federazione della provincia di Ascoli Piceno del Psi. L’assemblea congressuale si è tenuta presso la sala consiliare del Comune di Grottammare. Presenti il Presidente Regionale Lidio ROCCHI, il Segretario Regionale Maurizio CIONFRINI ed il Consigliere Regionale del “P.S.I. – Uniti per le Marche” Moreno PIERONI.

Sono stati eletti:
Segretario Provinciale:
Francesco MARONI
Direttivo Provinciale:
Andrea SCALELLA, con funzioni di Vice Segretario

Giulio FRABONI

Cesare CARBONI

Giuseppe LAVERSA

Giorgio PANICHI

Antonio FABIANI

Ludovica MOZZONI

Francesca MARCONI SCIARRONI

Stefano MARCELLI

Marco CURZI

Alessandro LATTANZI

Franco FOGLIA

Sara PACI

Giannino NAZZARI

Emidio LUZI, Segretario Politico del Comune di Ascoli Piceno

Umberto PASQUALI, Segretario Politico del Comune di San Benedetto del Tronto.

Nel corso del Congresso provinciale i numerosi interventi hanno sottolineato le criticità del territorio piceno, legate sia alla crisi generale del paese – ormai più intensa e persistente di quella del ‘29 – che alla stasi del post-terremoto: ovvero ai ritardi e alle incertezze nella ricostruzione, con i loro riflessi negativi sul tessuto economico e sociale.

Per contribuire a fronteggiare le situazioni di precarietà e disagio sociale il Congresso provinciale ha chiesto che il “Patto per l’Area di Crisi Complessa” recentemente approvato – coinvolgente quasi tutti i Comuni della Provincia – abbia un percorso certo e prioritario, per dare risposte tempestive sia al mondo dell’impresa che ai troppi lavoratori disoccupati.

Il Congresso provinciale ha inoltre posto la sua attenzione sull’annoso problema della sanità picena, stigmatizzando la mancanza di prospettive coordinate ed integrate fra i due ospedali della vallata, con il rischio che la situazione possa degenerare in una lotta di campanile che potrebbe concludersi a svantaggio del Piceno e a favore di altre località regionali – privilegiando la sanità privata a discapito di quella pubblica.

Il Congresso provinciale ha inoltre auspicato che gli obblighi dispotici del Patto di Stabilità europeo, che bloccano le possibilità d’investimento sia dello Stato che degli enti locali (Regioni, Province e Comuni), possano essere finalmente superati quanto meno in nome di un’emergenza che, seppur riconosciuta a parole, viene però negata nei fatti.

 




“Il Pronto soccorso di San Benedetto esplode, i posti letto dimezzati”

Infermieri del pronto soccorso di San Benedetto: uno storico punto fermo dell’emergenza urgenza in Riviera. Ma molti non sono più in organico. L’ospedale Madonna del Soccorso sta perdendo un patrimonio pregiato…

di BENITO ROSSI – sindacato Ugl Sanità

SAN BENEDETTO DEL TRONTO“Probabilmente da qualche anno a questa parte si sono allontanati dal pronto soccorso infermieri (chi per pensionamento, chi per, ahimè, volontà forzata, chi per altri motivi legati ad altri aspetti personali).

Persi insomma infermieri di grande calibro, che hanno tracciato la cultura gestionale dell’iperafflusso, soprattutto nel periodo estivo.

Infermieri, portati sul palmo della mano dai medici, dotati di forte spirito di iniziativa, sia in ambulanza che in pronto soccorso, hanno da sempre condizionato positivamente la scuola culturale e tecnico scientifica dell’emergenza urgenza.

Nelle sale di pronto soccorso i medici operavano in quasi totale approccio clinico dove gli esami strumentali erano veramente pochi.

Una scuola infermieristica in emergenza urgenza fatta di passione e tanta tanta umiltà nell’imparare tecniche che si tramandavano da infermiere ad infermiere.

Ringraziamo ancora quel gruppo di infermieri che hanno permesso di offrire un servizio operando spesso in condizioni estreme. Oggi probabilmente stiamo perdendo quella scuola, soppiantata da protocolli che arrivano prima dell’infermiere in quanto tale. In un contesto dove i protocolli medici arrivano prima di ogni altra considerazione ragionevole. Nella precedente scuola non tutti gli infermieri erano “portati” a rimanere in pronto soccorso e le valutazioni erano ben altre.

Ma gli iperafflussi di ieri erano diversi da quelli di oggi? Noi non crediamo. Oggi il pronto soccorso si è trasformato “in un giorno dove si approfondiscono tutti quegli esami strumentali per evitare ricoveri “ e pertanto il pronto soccorso spesso esplode, in attesa che tutti i referti richiesti siano sul tavolo. Triplicati gli infermieri , triplicati i medici, raddoppiati gli os, radiologia a tutta forza, consulenze tutte sotto mano con obiettivi di qualità ma il pronto soccorso esplode ed i posti letto dimezzati. Qualcosa non torna. Di sicuro la vecchia scuola infermieristica la stiamo perdendo, forse”.




Psi, incontri con i quartieri: mercoledì con il Salaria

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nell’ambito degli “incontri con i Quartieri” organizzati dal Partito Socialista Italiano di San Benedetto del Tronto, domani Mercoledì 28 Giugno, alle ore 21.15, si terrà l’incontro pressa la sede del Quartiere Salaria.

Gli incontri promossi per affrontare le varie problematiche dei quartieri, sono principalmente rivolti a coinvolgere la popolazione residente e ad ascoltare le loro esigenze. In modo particolare si affronteranno i problemi legati ai servizi sanitari, all’assistenza Ospedaliera e ai Servizi Sociali.




Muzi dona 100 euro della tessera di FI per decoro ambientale e manutenzione stradale

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 30 di Giugno 2017 sarebbe scaduto il termine per rinnovare la tessera annuale a Forza Italia. Il Consigliere comunale azzurro Stefano Muzi nella giornata di Martedì scorso si è recato presso l’ufficio postale, ma invece di sottoscrivere nuovamente l’adesione e pagare la sua quota da eletto, pari a 100€, alle casse del Partito, ha preferito destinare tale somma alla Tesoreria del Comune di San Benedetto del Tronto, scrivendo come causale sul bollettino “ Manutenzione stradale e decoro ambientale”.

“In questi ultimi mesi – asserisce Muzi – come Presidente della Commissione Lavori Pubblici ed Ambiente e come Consigliere ho ricevuto quasi giornalmente lamentele e segnalazioni da parte dei sambenedettesi, in relazione alla criticità in cui versavano molti manti stradali cittadini, sui quali si riscontrava la presenza di numerose buche, e marciapiedi con pavimentazione divelta, che con il trascorrere del tempo ed i violenti fenomeni atmosferici hanno visto peggiorare la tenuta e minare sempre più la sicurezza stradale di automobilisti e pedoni. Per tali motivazioni ho ritenuto prioritario contribuire, seppur in minima e simbolica parte, ad una giusta causa tesa alla risoluzione di una problematica che ogni giorno si configura come concausa di sinistri stradali ed infortuni fisici, con le conseguenze annesse, come il disagio per il cittadino e la richiesta di risarcimento avanzata nei confronti dell’ente comunale.

Essendomi candidato nella lista di Forza Italia ed essendo stato eletto democraticamente in tali fila continuerò, ovviamente, a militare all’interno della struttura partitica ed in seno al gruppo consiliare azzurro. Non è la tessera che denota la persona e l’attaccamento al Partito, bensì i comportamenti e le iniziative intraprese.

Sono sicuro che i vertici nazionali apprezzeranno il gesto, anche perché a differenza di altri amministratori forzisti io non ho alcun debito insoluto pregresso nei confronti del Partito”.

 




Barbara Falaschetti presidente del direttivo del circolo nord del Pd

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è tenuta lunedi sera la riunione del direttivo del Circolo Nord del Partito Democratico sambenedettese.

Essendo la prima riunione la segretaria Daniela Bigossi ha provveduto a validare i componenti del direttivo e ad assegnare gli incarichi operativi che vedono Giuseppe Filiaci come responsabile tesseramento, Luigi Ianni responsabile della comunicazione, Leonardo Latini responsabile dell’ organizzazione, mentre Barbara Falaschetti sarà presidente.

Il tema politico trattato è stato quello della sanità, si è discusso e condiviso il documento prodotto dal gruppo di lavoro istituito dal segretario del circolo centro Roberto Giobbi e gia pubblicato nelle scorse settimane.

“Come circolo – afferma Bigossi –  auspichiamo che il documento sia discusso e condiviso dalla Federazione e da tutti i circoli del territorio piceno.”

Alla presenza dello stesso Roberto Giobbi e del consigliere regionale Fabio Urbinati si è arrivati a condividere il percorso intrapreso dalla Regione Marche che porta verso l’ospedale unico.

“Soprattutto – ancora Bigossi – è stato apprezzato il metodo di grande trasparenza con cui la Regione Marche e il Partito Democratico vogliono accompagnare il percorso che porterà a questa importante riforma sanitaria.

Cresce nei cittadini sambenedettesi e negli operatori la consapevolezza che solo il sistema pubblico può garantire qualità ed efficienza in un quadro di investimenti in grado di supportare una costante crescita dell’innovazione tecnologica nel settore sanitario.

E’ chiaro che non si tratterà solo della realizzazione di un nuovo ospedale, ma si tratterà di una vera e propria riorganizzazione dell’offerta sanitaria Picena.

Come circolo Nord seguiremo costantemente gli sviluppi nel settore sanitario, ma soprattutto saremo un presidio di elaborazione politica e di costante informazione ai cittadini.

Cogliamo intanto con favore l’impegno dell’area vasta n° 5 nell’aver prodotto lo studio di dimensionamento che sarà il vero punto di partenza per la realizzazione di un nuovo ospedale nel Piceno.

Invitiamo pertanto il Sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti ad impegnarsi affinché lo studio di dimensionamento arrivi ad essere discusso dalla conferenza dei Sindaci per dare ai cittadini e alle forze politiche un elemento in più su cui poter discutere”.

 




Nasce “Punto Aiuto Cittadino”, Elio Core presidente

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Nasce l’Associazione Punto Aiuto Cittadino avente ad oggetto la solidarietà sociale, il benessere collettivo e civile, il volontariato in ambito socio sanitario e nella gesti,one dell’ambiente. Presidente Elio Core, vice presidente Modesto Pignotti segretario Marisa Pignotti.

L’Associazione è civile, apartitica, laica,egualitaria, democratica e non ha fini politici né di lucro. Essa si ispira ai principi e ai valori della Costituzione della Repubblica Italiana ed in questo contesto intende promuovere ed organizzare attività sociali, educative, sportive, culturali e ricreative per una migliore qualità della vita con iniziative mirate alla soluzione, ove possibile, dei problemi che affliggono molti cittadini del nostro territorio.

Lo spirito è quello di aiutare, per quanto possibile, coloro che vivono in condizioni di  precarietà, diffuso malessere sociale e nella totale indifferenza.

Nata per promuovere e collaborare con enti pubblici e privati per iniziative atte alla crescita della solidarietà umana come la sensibilizzazione per la donazione del sangue, e di organi, per le informazioni sulla prevenzione della salute, per collaborare con la protezione civile nelle calamità, per la formazione del personale nel volontariato sociale.

“Sarà attenta e vigile – spiega il presidente Core – sui temi dell’ambiente, della sicurezza sociale e sulle tematiche sanitarie con speciale attenzione alle categorie più deboli.

Con questi propositi e linee guida dunque, ci accingiamo ad intraprendere il cammino, ponendo al centro del nostro agire quotidiano la cortesia, la disponibilità, la riservatezza e l’aiuto verso gli altri, motori propulsori che ispirano l’Associazione Punto Aiuto Cittadino.

Attraverso il nostro sito, i cittadini possono inviare, tramite e-mail, le eventuali problematiche che verranno trattate con assoluta riservatezza e nel rispetto delle norme vigenti sulla privacy, oppure contattare l’Associazione al recapito telefonico 3384286404 o indirizzo di posta elettronica: core.elio@libero.it”.

 




Ordinanza movida molesta, vietate le lattine di birra dopo le 22

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il sindaco Piunti sta per firmare la nuova ordinanza sulla movida molesta con un pesante giro di vite.

Divieto assoluto di bere nei parchi dalle 24 alle 6. Per i trasgressori multe da 25  a 500 euro.

Nell’ordinanza sono delimitate le aree della movida molesta. A San Benedetto divieto di bere alcol all’aperto nel quadrilatero tra la SS16, il mare, l’Albula e Grottammare. Divieto su tutto il lungomare. A Porto d’Ascoli la zona rossa è compresa tra via del Mare, via Esino, la Ss16 e il rilevato ferroviario.

I locali che si trovano in queste zone non devono vendere alcol dalle 24 alle 6 in qualsiasi contenitore. Dalle 22 alle 6 divieto di vendere alcol in vetro e lattina di birra. La sanzione pecuniaria va da 25  a 500 euro. Per i locali pescati una seconda volta ad infrangere l’ordinanza scatta la chiusura per 15 giorni.

L’ordinanza entra in vigore appena firmata dal sindaco e sarà valida fino al 1° novembre. Dunque non si potrà bere per strada la notte di Halloween.




Torna il festival “Sensi”, musica & vino: suggestioni brasiliane da Velenosi

ASCOLI PICENO – Ascolti musica mentre bevi vino. Magari chiudendo gli occhi. Ecco il nuovo piacere che offre “Sensi”, il Festival enomusicale che torna dopo il grande successo dell’anno scorso.

L’associazione culturale ascolipicenofestival, organizzatrice dell’evento in collaborazione con Comune di Ascoli e Amat, mette in cartellone tre appuntamenti tutti molto piacevoli. Non solo classica ma anche musica dalle suggestioni brasiliane e ambient. “Sensi” si basa sulle sinestesie dei sensi e fonde la performance musicale con le parole di importanti enorelatori, tutti provenienti da Rai Radio 3, e la degustazione creando un collegamento sensoriale tra le note e il vino.

“In questa rassegna – commenta la professoressa Emanuela Antolini presidente di ascolipicenofestival e direttrice artistica della manifestazione (nella foto con Angela Velenosi) – noi ci crediamo molto. A costo di non pochi sacrifici, abbiamo voluto ripetere l’esperienza del 2016. Sensi porta buona musica e nello stesso tempo fa conoscere e valorizza i migliori vini del Piceno aiutando le imprese locali. Cultura ed economia vanno a braccetto. Che c’è di meglio per rendere più “fresca” questa estate?”.

Il primo appuntamento è venerdì prossimo 30 giugno presso la Cantina Velenosi in via dei Biancospini 11 a Monticelli. I protagonisti della serata, per un aperitivo del tutto speciale, inizio alle 19,30, sono, oltre ai prestigiosi vini Velenosi, il meraviglioso ensemble “Vento do sul”, composto da fisarmonica (Giacomo Rotatori), tromba/flicorno (Nicola Sartini) e chitarra classica (Pierpaolo Pupilli), e a raccontare le suggestioni enomusicali il musicologo di Rai Radio 3 Arturo Stàlteri. A far gli onori di casa, naturalmente, Angela Velenosi, “signora del vino” e manager instancabile che con il suo brand ha conquistato i mercati di tutto il mondo. “Vento do sul” propone brani molto accattivanti legati soprattutto alla tradizione brasiliana.

Secondo appuntamento il 5 luglio, nel foyer del Teatro Ventidio Basso di Ascoli, con il violino di Lucio Degani, il pianoforte di Andrea Rucli, le parole del musicologo Oreste Bossini e gli eccellenti vini friulani della cantina Rodaro.

Il ciclo si conclude ad Offida, il 12 luglio, nel Chiostro di San Francesco, con il gruppo napoletano “Ashram” , specializzato in musica ambient, il conduttore radiofonico Luca Damiani e i vini del consorzio Vinea.

L’ingresso per i soci di ascolipicenofestival è di 5 euro, 8 per i non soci. Previste tre degustazioni di vino con stuzzichini vari.

Prevendita presso la Biglietteria del Teatro Ventidio Basso in piazza del Popolo (0736298770) e vendita anche la sera stessa degli eventi. Info: 330279036.




San Benedetto ospita Hoppy Days, la festa delle birre di qualità

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal 5 al 9 luglio 2017 l’ex Galoppatoio torna ad ospitare per la quarta volta Høppy Days, festa delle birre di qualità provenienti da tutto il mondo. Dalle 16 fino a tarda notte si potrà scegliere tra cinquanta spine sulle quali ruoteranno oltre 150 birre, selezionate tra le migliori nazionali e internazionali, senza dimenticare le gluten free e i sidri. Dopo il successo riscontrato durante l’edizione invernale, l’organizzazione ha  pensato di riproporre, oltre alle spine, anche un’attenta selezione di bottiglie.

Grande attenzione è riservata alla spillatura, affidata a professionisti del settore che saranno a disposizione dei visitatori per guidarli alla scelta della birra più adatta per i loro gusti.

La parte food è costituita da piatti scelti per essere facilmente abbinati alle birre proposte: Pan de Coca con il suo street food, La Marina con i piatti di pesce e gli arrosticini Abruzzesi comporranno il menù di quest’anno (anche veg).

L’ingresso all’evento è libero con la possibilità di avere un bicchiere in vetro su cauzione e di comprare dei gettoni da spendere per le degustazioni negli stand.

Durante tutto l’evento una filodiffusione rock accompagnerà le degustazioni e i momenti di aggregazione.

I gonfiabili e una sala giochi vintage potranno intrattenere i più piccoli e gli appassionati di genere.

Høppy Days è organizzata dalla SCSD Birramici, associazione che nasce per promuovere la cultura del sano divertimento da pub ed avvicinare il pubblico alla cultura del bere di qualità, allontanandosi dall’appiattimento dei sapori proprio delle realtà industriali.